Archivi tag: Maurizio Valeriani

Capolavori enologici del sud e delle isole

Giovedì 11 Aprile • ore 19:00 Ristorante Bell • Via Chiana, 80

Considerati, un tempo, figli di un Bacco minore, e non di rado relegati al ruolo di vini da taglio, idonei a “rinforzare”, nelle annate dall’infelice andamento climatico, denominazioni blasonate, dentro e oltre gli italici confini,i vini del meridione e delle isole si sono ormai definitivamente lasciati alle spalle la fama di prodotti dall’incerto profilo organolettico, ricoprendo, sempre di più, un ruolo di primo piano nel panorama enologico nazionale.

Sono cresciute, in modo esponenziale, le etichette in grado di confrontarsi, senza timori reverenziali, con le più importanti denominazioni del pianeta, e non pochi vini, si sono installati ai vertici della piramide qualitativa. Ne degusteremo 8, in compagnia di Maurizio Valeriani giornalista enogastronomico direttore della testata Vinodabere (www.vinodabere.it) e di Fabrizio Russo.

In degustazione:
Argiolas – Turriga
Gulfi – Etna Rosso Reseca
Valle Reale – Montepulciano d’Abruzzo San Calisto
Di Majo Norante – Molise Rosso Don Luigi Riserva
Benito Ferrara – Greco di Tufo Vigna Cicogna
Leone De Castris – Five Roses 70° anniversario
Camerlengo – Aglianico del Vulture
Librandi – Magno Megonio o Gravello

Costo degustazione: 25 Euro | 22 Euro per i soci Atheneum – Ateneo dei Sapori. Prenotazioni e informazioni: 389.1107314 • info@ateneodeisapori.it

I partecipanti alle degustazioni potranno cenare da Bell usufruendo di uno sconto del 15% o consumare un menu Pizza (fritti, pizza, dolce, acqua e 2 calici di vino) al prezzo di € 20,00

Profumi e sapori di Sardegna

Giovedì 26 Marzo • ore 19,00 • Grand Hotel St. Regis • Via V. E. Orlando, 3

I profumi, i sapori e i colori della Sardegna, raccontati dal Cannonau e dal Carignano.

Non è solo mare la Sardegna, anzi, le sue coste, tra le più suggestive del mondo, rappresentano solo una parte delle bellezze dell’Isola. Paesaggi che mutano radicalmente fisionomia, sentieri che si inerpicano tortuosi, lungo i fianchi di suggestive aree montane, un’incredibile varietà di ambienti, spesso scarsamente popolati, erbe selvatiche: mirto, ginepro, timo, dai profumi inebrianti, e, non dimentichiamolo, una cucina tradizionale composta, principalmente, da robuste pietanze “terragne”: dai malloreddus alla campidanese, con salsiccia e pecorino, alle numerose preparazioni a base di saporite carni di agnello e di pecora.

Piatti che si sposano, magnificamente, con i due vini protagonisti della serata: il Cannonau ed il Carignano. Il primo, diffuso in tutta la Sardegna, troverà molteplici espressioni nel bicchiere, attraverso un viaggio virtuale che: partendo dal Sassarese e passando per la zona classica del Cannonau, in Barbagia, terminerà a Serdiana, nel cagliaritano. Il secondo, viceversa, ci permetterà di scoprire il sulcitano e le sue zone contigue, arrivando, attraverso impianti ancora popolati da viti a piede franco, che si affacciano sul mare, fino all’isola di Sant’Antioco. Tutti i vini che degusteremo stasera, esprimono livelli qualitativi di assoluta eccellenza; alcuni, come il Turriga e il Terre Brune, rappresentano degli imprescindibili archetipi enologici, ben oltre i confini dell’isola.

Continua a leggere Profumi e sapori di Sardegna