Archivi categoria: Alfabeto dei sensi

Porto, formaggi erborinati e cioccolato

Martedì 28 Febbraio • ore 19:00 Ristorante Bell • Via Chiana, 80/86

Straordinario serbatoio di varietà autoctone, perlopiù sconosciute nel resto del continente europeo, il Portogallo è stato protagonista, negli ultimi decenni, di una diffusa crescita qualitativa, che ha interessato la quasi totalità dei suoi comprensori vitivinicoli e dei suoi vitigni. Ciononostante, il suo più celebre vino fortificato, il Porto, prodotto in un territorio aspro, contrassegnato da chilometrici muri a secco, vigne inaridite dalla ferocia dei raggi solari, pendenze intrepide e scarsa presenza di terra, rimane l’esponente più conosciuto, sia dentro che fuori dai confini nazionali.

Degusteremo stasera quelli della Quinta da Romaneira, azienda nata nel XVII secolo, che ha utilizzato 85 ettari di vigneto per dar vita, grazie anche al contributo di un wine maker come Antonio Agrelos (nominato già due volte “Enologo dell’anno”) ad alcuni tra i migliori vintage degli ultimi anni. Li assaggeremo abbinandoli a seducenti formaggi erborinati, selezionati da quella meravigliosa bottega del gusto che è “La Tradizione” (Via Cipro, 8) e a della cioccolata d’autore.

In compagnia di Daniele Balan, Fabrizio Russo e Francesco Praticò degusteremo: Towny, Late Bottled Vintage, Vintage
abbinati a: Gorgonzola, Stilton, Roquefort e… Cioccolato

Costo degustazione: 22 Euro | 20 Euro per i soci Atheneum – Ateneo dei Sapori.

Prenotazioni e informazioni: 06.4880601 • 346.3727947 •  info@ateneodeisapori.it 

Tutti coloro che parteciperanno alle degustazioni potranno, a fine incontro, accomodarsi ai tavoli di Bell e ordinare alla carta, approfittando di uno sconto del 15% sul prezzo delle pietanze, e di 2 calici di vino offerti dal ristorante, oppure consumare, al prezzo concordato di euro 20, un menu pizza composto da: fritti, una pizza e un dolce, accompagnati da acqua e da due calici di vino, sempre offerti dalla casa.

Tutto quello che avreste voluto sapere sul tè…

Mercoledì 15 Febbraio • ore 18:45 • Quirinetta Caffè e Cucina • Via M. Minghetti, 2

C’è chi considera il tè la bevanda più antica del pianeta, di è certo è tra quelle più consumate al mondo. É opinione diffusa che ad un tè verde, un tè nero o un tè bianco corrispondano all’origine piante diverse…

Ma non è così, giacché l’origine botanica del tè è solo una: il tè è una Camelia. Obiettivo di questo incontro è quello di “sgombrare il campo” da dubbi di ogni sorta, esaminando le sorprendenti varietà di questa pianta, sia in termini di tipologie, che di gamma aromatica. Per farlo, vi racconteremo storia, origini e caratteristiche del tè, degustando: un tè verde “Scented” (ovvero un tè profumato al gelsomino), un tè verde tostato, un tè nero affumicato concludendo questo nostro intrigante e goloso percorso con uno splendido tè bianco invecchiato.

Tutti i tè saranno abbinati a prelibatezze gastronomiche, sia salate che dolci.

Relatori: Daniela Ferraresi, titolare di NamasTèy e Mattia Moliterni di “Quirinetta Caffè e Cucina”

Costo degustazione: 22 Euro | 20 Euro per i soci Atheneum – Ateneo dei Sapori. Prenotazioni e informazioni: 06.4880601 • 346.3727947 •  info@ateneodeisapori.it 

Meroi: le intramontabili suggestioni del Friulano (e del Refosco)

Giovedì 9 Febbraio • ore 19:00 Ristorante Bell • Via Chiana, 80/86

Apprezzato ristoratore, oltreché affermato vignaiolo, Paolo Meroi celebra la poetica del Tocai (Friulano, nome a cui i bevitori non più giovanissimi fanno fatica ad affezionarsi) e del Refosco, utilizzando una “ricetta” che contempla ingredienti quali: passione, amore per il territorio, vigne di oltre 30 anni, impianti ad alta densità, pratiche agronomiche scrupolose e rese contenute.
Vinificazioni attente e una filosofia produttiva improntata alla sostenibilità ambientale, completano un quadro che, vendemmia dopo vendemmia, offre vini complessi e profondi.
Li degusteremo in compagnia di Damiano Meroi e di Enrico Palombo, abbinandoli a due pietanze tipiche della gastronomia friulana: il frico di patate con i bianchi e il goulasch con i rossi.

In degustazione:
Friulano 2008 • 2010 • 2013 • 2015
Refosco 2008 • 2010 • 2011

Costo degustazione: 22 Euro | 20 Euro per i soci Atheneum – Ateneo dei Sapori. Prenotazioni e informazioni: 06.4880601 • 346.3727947 •  info@ateneodeisapori.it 

Tutti coloro che parteciperanno alle degustazioni potranno, a fine incontro, accomodarsi ai tavoli di Bell e ordinare alla carta, approfittando di uno sconto del 15% sul prezzo delle pietanze, e di 2 calici di vino offerti dal ristorante, oppure consumare, al prezzo concordato di euro 20, un menu pizza composto da: fritti, una pizza e un dolce, accompagnati da acqua e da due calici di vino, sempre offerti dalla casa.

Elogio delle tre “B”: Barolo, Bolgheri e Brunello di Montalcino

Martedì 13 Dicembre • ore 19:15 Ristorante Bell • Via Chiana, 80/86

Se una sera d’inverno, due toscani e un piemontese, tutti vestiti di color cremisi, si sedessero attorno a un tavolo e…

Barolo, Bolgheri e Brunello di Montalcino, tre tra le più prestigiose estrinsecazioni enoiche dello stivale, saranno gli interpreti di una seducente rappresentazione enoica, finalizzata ad evidenziare: differenze, analogie e peculiarità di uno tra i figli più illustri del Nebbiolo: il Barolo, di uno splendido Bolgheri, frutto del dialogo tra 3 varietà bordolesi, e del Brunello di Montalcino, illustre rappresentante del Sangiovese, in Toscana e nel mondo.
Continua a leggere Elogio delle tre “B”: Barolo, Bolgheri e Brunello di Montalcino

Le ambrosie alsaziane di Gustave Lorentz

Martedì 15 Novembre • ore 19:15 Ristorante Bell • Via Chiana, 80/86

Dialogo, goloso e colto, attorno al Riesling, probabilmente la miglior varietà a bacca bianca del pianeta, osservato, ascoltato, conosciuto e goduto, attraverso l’assaggio di 6 magnifiche etichette, e il racconto di Gustave Lorentz, appassionato vigneron alsaziano, che utilizza i grappoli di Gewürztraminer, Pinot Gris, Pinot Noir e Riesling, cresciuti sulle colline di Altenberg de Bergheim, per dar vita a degli autentici capolavori.

Continua a leggere Le ambrosie alsaziane di Gustave Lorentz

Le irresistibili suggestioni di Bordeaux

Martedì 25 Ottoobre ore 19:15 • Tenuta di Fiorano • Via di Fioranello 19/31

da Saint-Émilion a Pauillac, un esaltante percorso, tra cantine e filari del vigneto bordolese.

L’iniziativa, incentrata su appellations prestigiose, da Pauillac, il centro più grande del Medoc, patria di vini bramati dai seguaci di Bacco di tutto il mondo, a St. Émilion, regno del Merlot, del Cabernet Franc, e di leggendari Châteaux, si svolgerà, unica di tutto il programma, presso la suggestiva Tenuta di Fiorano, dove beneficeremo dell’ospitalità di Alessandro Jacopo Boncompagni Lodovisi, estimatore delle estrinsecazioni vinicole di Bordeaux e artefice, con lo storico Fiorano Rosso, di una delle più convincenti espressioni bordolesi dello stivale.

Continua a leggere Le irresistibili suggestioni di Bordeaux

Puglia d’autore: Leone de Castris e i formaggi de La Tradizione

Giovedì 10 Marzo • ore 19,00 • Grand Hotel St. Regis • Via V. E. Orlando, 3

È un intramontabile archetipo della tipologia, il Five Roses, vino rosato, complesso e incredibilmente longevo, frutto del dialogo tra Negroamaro (soprattutto) e Malvasia Nera, che delizia, da oltre 70 anni, l’universo sensoriale dei seguaci di Bacco dell’intero pianeta. Ma la carrellata di vini che degusteremo stasera, asserisce come sia elevatissimo lo spessore qualitativo dell’intera gamma produttiva di questa prestigiosa realtà del Salento, che diffonde il verbo della vitivinicoltura pugliese dal 17° secolo.

Continua a leggere Puglia d’autore: Leone de Castris e i formaggi de La Tradizione

Scarlatte melodie atto II

Giovedì 25 Febbraio • ore 19,00 • Grand Hotel St. Regis • Via V. E. Orlando, 3

Era quantomeno doveroso, a nostro avviso, organizzare una nuova serata all’insegna della produzione “rossista” d’autore, giacché la precedente degustazione, seppur animata da
protagonisti di primo piano – dall’Amarone al Brunello di Montalcino, dallo Sfursat della Valtellina al Barbaresco – non ha potuto rappresentare che una piccola parte di quell’incantevole mosaico vinoso che dal Collio, fino all’Etna, si espande tra le vigne e le cantine di Enotria.

Continua a leggere Scarlatte melodie atto II